3 Suggerimenti Per Imparare A Goderti La Vita

C’erano una volta tre anziani compagni di scuola che si ritrovarono dopo molto tempo. Ognuno cominciò a raccontare la propria vita. 

Uno era diventato un importante uomo d’affari, un altro era un eminente studioso ed il terzo un giardiniere. 

Conversando intorno ad un bicchiere di buon vino, i tre uomini si scambiavano le impressioni sulla vita che scorreva sempre più rapida. Arrivarono alla conclusione che ogni giorno era un dono prezioso che ricevevano.

Giunsero così ad una bizzarra decisione: 

– “Impegniamoci a realizzare domani il desiderio più intenso che ci portiamo dentro.” 

Ognuno confidò il proprio desiderio per l’indomani: 

Il politico disse: – “lo voglio usare il mio prezioso servizio da thè di porcellana cinese e il mio magnifico cavallo per galoppare nella mia tenuta.” 

Lo studioso disse: – “Io mi procurerò una tazza di cioccolata profumata e un libro antico pregiato da leggere seduto nella mia biblioteca.” 

Il giardiniere disse: – “Io domani vorrei godermi una bella giornata di sole, ascoltando un ruscello di acqua gorgogliante, degli uccelli che cantino in cielo e sugli alberi. Questi ultimi colmi di frutti maturi.” 

Proprio quella notte un forte terremoto scosse la regione. 

Quando il politico cercò la sua porcellana la trovò in frantumi. Il suo prezioso cavallo invece era morto sotto il muro della scuderia, che a causa del terremoto era crollato. 

Lo studioso non riuscì a bere la cioccolata né a leggere, perché nella sua casa non c’era più una tazza rimasta intatta e la sua biblioteca aveva preso fuoco (tutti i suoi libri erano ormai perduti). 

Il giardiniere invece poté godersi il sole che scaldava il suo giardino, bere l’acqua fresca del ruscello e, anche se il deposito degli attrezzi era stato distrutto dal terremoto, gli alberi erano rimasti in piedi…colmi di frutti.

Anche gli uccelli cantavano, come tutti gli altri giorni. 
La prima volta che ho letto questa storia ho pensato (un po’ delusa): ma come…finisce così?!

Dunque l’ho riletta una seconda volta, certa di essermi persa tra le righe qualcosa che mi avrebbe potuto ispirare.

I suggerimenti non sono mancati, e desidero condividerli con te offrendoli come consigli utili per imparare (finalmente) a goderti la vita!

#1. Investi in esperienze

È importante aggiungere più vita agli anni, non più anni alla vita.

– Anonimo

Sai qual è il regalo di compleanno che annualmente mi concedo? Certamente non una borsa, un gioiello o un super vestito (tutte cose che peraltro apprezzo!), quanto piuttosto un’esperienza di crescita personale (come un viaggio all’estero o un corso residenziale).

Pubblicità, social network, televisione…ogni giorno riceviamo stimoli in direzione di ciò che dovremmo possedere per stare bene e sentirci felici ed appagati.

In realtà è tutto un grande bluff. Stare bene non è una questione di ricchezza materiale quanto piuttosto di ricchezza emotiva e spirituale.

I bambini a questo proposito insegnano molto bene: hai mai notato cosa fanno di un nuovo giocattolo che ai loro occhi (sul momento) pare essere l’ottava meraviglia del mondo?

Lo utilizzano, ne sono entusiasti e…tempo una settimana lo abbandonano in un angolo assieme a tutti gli altri ninnoli che già possiedono.

Quegli stessi bambini (in compenso) non dimenticano del giorno trascorso con il loro amico del cuore o della gita con la famiglia.

Esperienze, e non cose.

Ama le persone, non le cose. Usa le cose, non le persone.

#2. Vivi adesso

Che tu abbia un animale domestico oppure no, certamente avrai notato quanto il tuo cane (o quello della tua amica, zia, conoscente, etc.) sia sempre incontrollabilmente felice.

E tu…hai mai sperimentato nella tua esistenza altrettanta felicità quotidiana?

Ricordo che un amico un giorno mi disse: “Quanto vorrei svegliarmi ogni mattina e sentirmi appagato come il mio cane! Non passa giorno senza che lui mi venga incontro gioioso e scodinzolante…indipendentemente dal fatto che abbia mangiato, fatto la sua passeggiata o dormito (esigenze per lui vitali). Chissà qual è il suo segreto…”.

Il segreto è presto svelato: vivere interamente nel qui e ora in maniera totalmente presente a ciò che accade (lasciando andare ogni percezione relativa al passato o al futuro).

Assapora ogni esperienza per ciò che è, liberando la mente da ogni ricordo o preoccupazione e senza alcun condizionamento rispetto al passato o al futuro.

Più di ogni altra cosa, fai tua la capacità di emozionarti in maniera sempre autentica e originale.

Che si tratti di situazioni positive come di frangenti pesanti e negativi, circoscrivi quanto accade all’istante preciso in cui lo vivi ed evita possa permeare altri contesti, tempi o situazioni.

In questo modo riuscirai ad applicare una strategia essenziale alla felicità: agire senza aspettative.

Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere né il presente, né il futuro. Vivono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto.
– Dalai Lama

#3. Godi delle cose semplici

Le cose migliori nella vita sono le più vicine: il respiro nelle narici, la luce nei tuoi occhi, i fiori ai tuoi piedi, gli incarichi nelle tue mani, il sentiero del bene proprio davanti a te. Allora non cercare di afferrare le stelle, ma svolgi le semplici cose della vita come vengono, sicuro che le funzioni quotidiane e il pane quotidiano sono le cose più dolci della vita.
– Robert Louis Stevenson

Un ricordo dolcissimo della mia cara mamma risale a quando, oltre 30 anni fa, ci riunivamo attorno al tavolo della cucina per impastare e cucinare meravigliose ciambelle dolci di Carnevale.

Per non parlare poi delle sue carezze nel cuore della notte, o dei suoi abbracci sempre pronti e colmi d’amore.

Vivi di cose semplici, e sii re della tua quotidianità; smetti di affannarti per quanto di importante credi che esista, e ricorda che l’essenziale è a portata di mano.

Le cose vere delle vita non vanno cercate, vanno piuttosto “scoperte” e ritrovate.

Tutti sono capaci di complicare, e pochi sono abili a semplificare. La natura tende sempre ad agire nel modo più semplice, dunque…lasciati guidare e assicurati di mantenere sempre i piedi ben appoggiati alla terra.

La vista di un cielo stellato…il sole alto e brillante…il profumo del pane appena sfornato…un letto avvolgente in una notte di inverno…quanto è viva l’anima di colui che sa comprendere ciascuna di queste meraviglie?

Sii semplice, sii vero; sii straordinario, sii felice.

Ora dimmi:

  • Quali sono i tuoi segreti per vivere bene?
  • Cosa ti ha suggerito la storia dei 3 anziani?
  • Quale desiderio intenso porti dentro e ti impegnerai a realizzare?

Ti aspetto nei commenti più sotto! Condividi ed ispira anche tu attraverso il tuo pensiero 🙂

Pubblicato da

Life Coach, Trainer

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.