6 Cose Cui Pensare Quando Hai Paura Di Cambiare

I cambiamenti della nostra vita posso essere di due categorie: prevedibili e imprevedibili.

Quando sono imprevedibili e per giunta indesiderati, acquisiscono di diritto lo status di terribili e temibili.

Chiaramente così come non puoi arrestare le onde del mare, non puoi nemmeno fare nulla per frenare ciò che di nuovo e diverso sta avanzando (specie se non dipende da te nè è sotto il tuo diretto controllo).

Quello che puoi fare tuttavia è adottare delle strategie interne di pensiero e convinzioni che ti permettano di approcciare gli inevitabili avvicendamenti della vita al meglio delle tue risorse mentali ed emozionali.

Vediamo più nello specifico di cosa sto parlando.

#1. Concentrati sulle cose positive

Quando la paura ha il sopravvento è molto facile inciampare nella rabbia e molto difficile mantenere la lucidità.

Per quanto la situazione sia imprevedibile e non delle più rosee, ricorda che ogni medaglia ha sempre due facce e non esiste crisi senza opportunità.

Non solo.

La tua vita è anche molto altro e molto di più di quello che ti sta capitando, e negli anni avrai sicuramente collezionato tanti piccoli doni per cui sentirti grato e arricchito.

Mantieniti sintonizzato su ciò che di positivo vibra ed esiste attorno a te, e ricorda che le tenebre non si sconfiggono imprecando o innervosendoti ma iniziando ad accendere piccole scintille di luce.

#2. Rammenta le difficoltà che hai superato

Non esiste la vita perfetta e non esiste un mondo fatto solo di cose belle e situazioni semplici.

La perdita di un affetto caro, il tradimento di un amico, il limite delle ristrettezze economiche: sicuramente anche tu hai alle spalle la storia più o meno lunga di tutte le varie difficoltà e criticità che l’esistenza ti ha offerto.

Alcune di esse saranno state particolarmente impegnative, altre più semplici del previsto, altre magari le avrà risolte qualcun altro (forse il tempo) al posto tuo.

Qualsiasi cosa tu abbia già visto e vissuto, so per certo che non è stato tutto rose e fiori fino a questo momento; e so anche che se sei qua è perchè in qualche maniera sei andato avanti e ce l’hai fatta.

Guarda avanti e non sottovalutare la tua forza. Guarda avanti e non ti fermare: non esiste altra maniera per superare l’ennesima sfida della tua vita.

#3. Lascia andare il controllo

Ci sono cose che puoi scegliere e controllare (come per esempio cosa mangiare, quali vestiti indossare, che tipo di intenzione adottare per la giornata), ed esistono situazioni ed aspetti che puoi solo accettare ed ascoltare.

Non puoi controllare il tempo atmosferico, le emozioni del tuo partner, l’evoluzione di una malattia. Non puoi controllare e determinare nulla di tutto ciò. Puoi fare delle previsioni, delle ipotesi, delle congetture, ma rispetto certe variabili quali quelle appena citate dovrai necessariamente fare i conti con i limiti della finitezza umana.

Fai sempre quanto è nelle tue possibilità agire, e quando è necessario abbi la forza di lasciare andare.

Aspettare ed osservare con calma è talvolta non solo la cosa più utile (e difficile) da fare, ma anche la più saggia e responsabile.

#4. Stai nel presente

La mente delle persone pessimiste è sempre pronta a trovare delle difficoltà per ogni opportunità, e sai a quale risorsa attinge per rifocillare il suo immaginario? Al futuro ed al passato.

Stai nel presente ed evita di formulare congetture che per quanto ipotetiche (dunque assolutamente non reali) offrono al tuo organismo il dazio tangibile e concreto dello stress e dell’ansia.

Evita di allucinare scenari futuri catastrofici, mantieni i nervi saldi, e rimani ancorato ai dati oggettivi e reali della tua situazione.

La paura fa sempre brutti scherzi, e gli incubi in cui ti fa sprofondare non sono altro che una delle sue tante specialità.

#5. Chiedi supporto

Non sei l’unico individuo sulla faccia della terra e non sta scritto da nessuna parte tu debba affrontare le difficoltà isolandoti e rimanendo per conto tuo.

Parlare con qualcuno come per esempio un familiare, un amico o uno specialista non solo ti farà sentire ascoltato (e dunque meno solo) ma ti regalerà nuove prospettive e angolazioni importanti per definire meglio la situazione, razionalizzarla e magari ridimensionarla.

Il fatto stesso di esprimere le paure e comunicarle a voce alta è utile a smorzare la pressione di tutti quei pensieri che continuano a girarti per la testa e ad aiutarti a mantenere i piedi ben poggiati per terra.

Condividi i tuoi stati e non chiuderti in te stesso; e soprattutto non trascurare che la relazione con l’altro non è fatta solo per prendere ma anche per dare, e là fuori potrebbe esserci qualcuno che ha proprio bisogno di parlare con te.

#6. Ricorda che non durerà per sempre

Rammento che una volta una mia amica osservò qualcosa del tipo: l’amore finisce…i soldi finiscono…finirà anche la sfortuna prima o poi, vero Daria?

Tralasciando la nota ironica della domanda retorica appena citata, l’unica certezza a questo mondo è davvero che ogni cosa cambia e nulla è per sempre (chiaramente sia nel bene che nel male).

Fortuna, sfortuna, gioie, dolori, emozioni, situazioni, persone…nulla è uguale a se stesso e tutto è in perenne evoluzione e cambiamento.

Lascia che una parte di te tragga sollievo dalle difficoltà che bussato alla tua porta e osservale da una nuova e forse più stimolante angolazione: non dureranno in eterno, e non appena se ne andranno non potranno che cedere il passo a qualcosa di migliore e certamente più conveniente per te.

Oggi non è che un giorno qualunque di tutti i giorni che verranno, ma ciò che farai in tutti i giorni che verranno dipende da quello che farai oggi.
(Ernest Hemingway)

Ti è stato d’aiuto questo post?

Ci sono delle considerazioni che desideri condividere e offrire a tutti noi della community?

Ti ascolto con grande piacere e ti aspetto nei commenti!

Ogni bene per te, Daria

Posted by

Life Coach, Trainer

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.