Il Segreto Per Superare La Paura

Una tappa obbligata per chi ha figli (e anche per chi non ne ha!) è il classico parco dei divertimenti colmo di giostre di ogni tipo e categoria.

Non molto tempo fa mi trovavo proprio in un contesto di questo genere, in coda mio malgrado per l’attrazione più adrenalinica del posto.

La prospettiva di accomodarmi (si fa per dire) su quella specie di dondolo che sarebbe crollato in picchiata guidato da una rotaia a pendenza massima proprio non mi allettava.

Tuttavia mi trovavo in compagnia di familiari e amici, e non mi andava di darmi subito per vinta.

Per rassicurarmi facevo risuonare dentro di me una tacita premessa del tipo “ok, per il momento fai la coda con gli altri; quando poi è il tuo turno decidi se imboccare l’ingresso all’attrazione o direttamente l’uscita “.

Chiaramente la fila non è durata in eterno e quando il fatidico momento è arrivato credo di essere stata in preda a qualcosa di molto simile al terrore: il cuore batteva fuori dal petto, la sudorazione era incontrollata, lo stomaco completamente sottosopra.

Senza l’ombra del minimo dubbio o rammarico ho salutato tutti e con un sospiro di sollievo mi sono diretta verso la prima panchina disponibile all’esterno.

Tuttavia quella mia paura incontrollata a posteriori mi ha dato di che pensare.

Cosa sarebbe successo se…

  • mi fossi trovata in una situazione da cui non era possibile (nè utile) “scappare”?
  • avessi avuto bisogno di affrontare e gestire i miei stati d’animo?
  • fosse stato necessario domare quella paura apparentemente incontrollabile?

Magari nella vita può non essere significativo combattere la paura di una giostra, tant’è che personalmente vivo benissimo anche se quella giostra in questo stesso istante sparisse dalla faccia della terra!

Tuttavia che dire di quella paura che invece ostacola i cambiamenti importanti e generativi dalla vita?

Come per esempio la paura di esprimere la propria opinione, la paura di affrontare un nuovo colloquio di lavoro, o la paura di dire basta ad una relazione che sentiamo non ci completi né soddisfi.

La risposta arriva da Ajit Nawalkha, imprenditore di successo, speaker, coach, e autore (tra gli altri) del libro “The book of coaching”.

La paura è un’emozione che in maniera pressoché automatica chiama in causa anche l’ansia, il panico ed una serie di altri stati d’animo che dirigono la mente verso pensieri tra i peggiori e più catastrofici possibili.

La conseguenza inevitabile è quella di vivere ancora di più nel terrore, nell’angoscia e nello smarrimento.

Quanto dolore ci sono costate tutte quelle paure che non si sono mai realizzate.
Thomas Jefferson

Tuttavia è reale credere di poter cambiare, ed è reale credere di riuscire a vivere al di fuori dei limiti angusti delle angosce e tormenti.

Il segreto per riuscirci (come considera Ajit Nawalka) è presto detto: tutto ciò di cui hai bisogno è trasformare la paura in entusiasmo e/o eccitazione. E anche la scienza a questo proposito non manca di confermarne la possibilità.

Alcuni ricercatori infatti hanno recentemente scoperto che l’area del cervello che processa stati d’animo come la paura è la stessa che elabora emozioni come l’eccitazione.

E quando nella tua mente spicca l’eccitazione automaticamente la paura non ha più possibilità di predominare.

Tutti noi abbiamo pensieri che scatenano dentro di noi delle ansie immotivate o irrazionali, e quando queste ansie affiorano l’area pre-frontale della corteccia (deputata alla creatività e all’abilità decisionale) semplicemente va in blocco.

Il segreto dunque è individuare la situazione che sappiamo ci causi terrore (come per es. prendere un aereo, recarci ad un appuntamento al buio, parlare in pubblico, etc.) e quindi guidare i pensieri e le linee della nostra mente in direzione dell’eccitazione e dell’entusiasmo.

Allo scopo sono utili domande del tipo:

  • Cos’ho bisogno di immaginare per sentirmi entusiasta circa (per es.) il mio prossimo viaggio aereo?
  • Cos’ho bisogno di dirmi per vivere in maniera eccitante il mio imminente volo in aereo?
  • Cos’ho bisogno di iniziare a credere per celebrare l’entusiasmo del mio volo aereo ?

Una delle più grandi scoperte che un uomo può fare, una delle sue più grandi sorprese, è scoprire che può fare ciò che aveva paura di non poter fare.
Henry Ford

L’unico artefice delle tue paure sei tu.

E proprio perchè tu ne sei il creatore, tu ne puoi essere anche (se vuoi) il distruttore.

  • Riesci a immaginare come cambierebbe la tua vita se solo ti sbarazzassi della tua paura più profonda?
  • Che persona riusciresti a diventare se imparassi a domare le tue paure?
  • Cosa accadrebbe alla tua esistenza se solo riuscissi a ridere di ciò che più temi?

La parola ora a te! Io non vedo l’ora di leggerti nei commenti più sotto 😉

Ogni bene Per Te,

Daria

Posted by

Life Coach, Trainer

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.