Vuoi Migliorare la Tua Relazione di Coppia? Ecco come farlo in 5 semplici step

6-creditsÈ ben noto come a questo mondo tutto cambi e sia in continuo divenire: cambiano le stagioni, cambia l’ambiente (sociale e naturale) e ovviamente cambiano le persone.

Come già disse Eraclito a dimostrazione che niente e nessuno, nel tempo, è mai perfettamente uguale a se stesso (fosse anche per lo scarto di una frazione di secondo), “non ci si può bagnare due volte nello stesso fiume”.

A titolo esemplificativo, perfino tu che ora scorri il mio articolo sei una persona diversa rispetto a quella che eri prima di leggere le righe del post: i pensieri che hai elaborato nel frattempo, le sensazioni avvertite, le immagini rievocate…questo e altro hanno contribuito a renderti in qualche modo differente dalla versione di te di pochi istanti fa.

Inevitabile applicare il discorso anche alle relazioni, constatando quanto frequentemente capiti che persone inizialmente legate da un reciproco amore, rispetto e condivisione di obiettivi, nel tempo cambino a tal punto la natura del loro legame da arrivare persino a detestarsi non riconoscendosi più l’uno nell’altra.

Sapevi che in Italia ogni 3 minuti e mezzo un matrimonio va in frantumi? Stando alle statistiche, pare che a partire dal 1998 (sino ai tempi attuali) siano sensibilmente in aumento il numero delle separazioni, e costantemente in diminuzione il numero dei matrimoni.

Ovviamente nulla capita per caso, ed è bene ricordare che ognuno di noi ha la facoltà di adoperarsi per definire la direzione ed il significato di cambiamenti significativi della propria vita.

A questo proposito, ho preparato per te…

5 consigli utili per guidare la tua relazione di coppia verso un futuro prospero di comunione ed affettività.

 

#1. Impara ad ascoltare per poter sentire

Dopo il soddisfacimento dei bisogni primari (cibo da mangiare, una casa come riparo e protezione, dei vestiti con cui coprirsi, etc.) ogni essere umano ha necessità di sentirsi amato, apprezzato e valorizzato.

L’ascolto è alla base della comprensione, della condivisione, e della reciprocità, ed è uno strumento fondamentale di valorizzazione e riconoscimento interpersonale.

Ascoltare non significa aspettare il proprio turno per parlare, né tantomeno esibire dei cenni silenziosi di assenso mentre il nostro interlocutore si esprime e racconta; in questo caso (forse) stai aprendo le tue orecchie, ma certamente non il tuo cuore e le tue emozioni.

Ascoltare empaticamente significa entrare in connessione con l’altra persona, con ciò in cui crede ed è importante per lei, creando una prossimità sia fisica che emotiva al suo mondo ed alla sua realtà.

Significa smettere di interpretare ed astenersi dal formulare giudizi, in una modalità di attenzione genuina per l’altro piuttosto che per se stessi ed i propri intendimenti. Significa di togliere di mezzo il tuo ego offrendo all’interlocutore tutto lo spazio e “l’aria psicologica” di cui ha bisogno.

Le persone eccellenti ascoltano più di quanto parlano e quando ascoltano, ascoltano davvero. Sanno che l’unico modo per avere un dialogo effettivo con qualcuno è ascoltare effettivamente.

– D.A. Bentos

 

#2. Valorizza le differenze

L’anima gemella non è un individuo identico a te in ogni immagine, sfumatura e declinazione, quanto piuttosto una persona che nel rispetto e valorizzazione delle reciproche differenze, contribuisce alla tua realizzazione personale permettendoti di essere una versione migliore di ciò che saresti se vivessi da solo senza alcuno al tuo fianco.

Trovare qualcuno da amare ed esserne ricambiati è una cosa meravigliosa. Ma trovare l’anima gemella è veramente il paradiso. L’anima gemella è una persona che ti capisce come nessun’altra, che ti ama come nessun’altra, che sarà lì per te sempre, qualsiasi cosa succeda.

– Cecelia Ahern, Ps: I Love You, 2004

Le unioni hanno ragione di essere quando producono risultati sinergici, tali per cui Io e Te insieme siamo molto di più che la semplice somma di due parti isolate.

E come ben saprai, per qualsiasi contesto e forma di vita la diversità è da sempre sinonimo di complemento, sviluppo ed inestimabili ricchezze.

Ora dimmi:

  • Quando sostieni il partner nelle sue passioni ed attitudini?
  • Quanto rispetti la sua tipicità ed unicità?
  • In che misura le vostre differenze sono una ricchezza che libera ed espande…o piuttosto un limite che provoca chiusure e scoraggiamento?

 

#3. Ama te stesso

Nessuna relazione affettiva potrà mai avere basi solide e continuità, se mancherà del riferimento della più importante storia d’amore che ogni persona possa mai vantare: l’amore per se stessi.

Stare bene con gli altri presuppone prima di tutto la capacità di stare bene con se stessi, ed è nel momento in cui apprezzi il valore della tua compagnia che permetti anche agli altri di sperimentare altrettanto.

Se non sei gradito a te stesso, come puoi credere di esserlo per gli altri?

Nessun venditore è mai convincente per quel genere di prodotti di cui egli per primo ne sia poco convinto, e ne apprezzi scarsamente il valore.

Tu se l’unica persona con cui vivrai ogni giorno della tua esistenza, 7 giorni su 7, dalla mattina alla sera: amarti è l’inizio di un idillio che durerà tutta la vita, e che inevitabilmente produrrà benefici inestimabili a tutta la tua vita.

Prenditi cura del tuo corpo, abbi rispetto delle tue esigenze e necessità, e sii generoso ed obiettivo verso i tuoi meriti ed i tuoi talenti: il mondo si nutre d’amore, e non potrai mai offrire a nessuno quell’amore che prima di tutto avrai mancato di vivere per te stesso.

Accetta la sfida di provare amore, almeno verso te stesso, e scoprirai cosa significa amare e sentirsi amati da chi si ama.”

– Jean Paul Malfatti

 

#4. Alimenta una visione comune

In ogni realtà di gruppo e di team, ciò che permette alle persone di consolidare nel tempo la qualità dei loro rapporti e delle reazioni, è la capacità di identificarsi in una comune visione di intenti e progetti per il futuro.

Ben oltre la passione fisica (destinata ad un ridimensionamento nel corso degli altri), quale altro genere di passioni tu ed il tuo partner condividete ed alimentate?

Quali progetti vi mantengono uniti? Quale spirito e missione di vita vi accomuna?

Se manca questo genere di “collante” interpersonale, composto da una consonanza di aspirazioni, missione e valori per il futuro, mancherete di gioco di squadra nella coppia ed inevitabilmente…non ci sarà più ragione di scendere in campo insieme anche nel gioco della vita e della coppia.

Trovarsi insieme è un inizio, restare insieme un progresso…lavorare insieme un successo. 

– Henry Ford

 

#5. Senza fretta, e senza sosta

Immagina di vivere in una bellissima dimora contornata da un parco rigoglioso di fiori e piante maestose.
 Con amore e continuità ti dedichi quotidianamente alla cura della casa e del giardino, intervenendo di tanto in tanto con quelle piccole manutenzioni necessarie a preservare la funzionalità e meraviglia di ogni ambiente.

Capita improvvisamente tu debba partire per un viaggio all’estero di alcuni giorni; tuo malgrado, la dipartita si prolunga per una serie di mesi ben oltre le aspettative iniziali.

Quando finalmente rincasi, constati purtroppo che il prato è invaso dalle infestanti, alcune piante sono minacciate dai parassiti, ed il tuo delicato pavimento in legno è in parte rovinato per una trascurata (e sottovalutata) infiltrazione d’acqua.

Questo è esattamente quello che può capitare anche alla tua relazione, qualora in occasione di circostanze straordinarie rispetto alla routine di sempre (come per esempio un lutto, un cambio di lavoro, l’arrivo di un figlio, etc.), tu sia spinto a dedicare altrove buona parte delle tue attenzioni ed energie.

Così come un giardino ed una casa hanno bisogno di cure costanti e quotidiane, lo stesso dicasi per il terreno della tua relazione di coppia: senza fretta (e senza sosta) abbi cura di dedicati con costanza a ciò che è importante per te, perché così facendo ti assicurerai di mantenere fertile (e libero dalle infestanti) il futuro del tuo rapporto.

Spesso siamo così assorbiti dal lavoro o da nuovi progetti, da permetterci di dirigere altrove le energie “trascurando” momentaneamente il nostro partner; ma certamente nulla di robusto potrà mai crescere all’ombra della noncuranza e dell’indifferenza.

Anche solo per stare insieme tra un uomo e una donna. È un lavoro. All’inizio magari ti sembra proprio il contrario, ti sembra tutto istinto e caso, una specie di dono della fortuna. Più facile e naturale di qualunque altra cosa nella vita. Invece non è facile per niente. Se non cominci a lavorarci subito, va tutto in pezzi prima ancora che tu te ne accorga.

– Andrea De Carlo, Uto, 1995

 

Grazie per il tempo che hai dedicato a questo post! Sono certa che nel momento in cui metterai in pratica anche solo alcuni di questi 5 suggerimenti, ti accorgerai di profondi cambiamenti migliorativi nella relazione col tuo partner.

Ti aspetto nei commenti più sotto e se l’articolo ti è piaciuto, condividilo subito con i tuoi amici:
Sharing is Caring! :-)

Desideri ricevere la mia newsletter quindicinale? Compila il form di iscrizione che trovi qui.

Vuoi conoscermi meglio? Qui mi presento.

 

Posted by

Life Coach, Trainer

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.