2 consigli per la mente scimmia

Mi è capitato l’altra sera di svegliarmi nottetempo con la necessità di recuperare dell’acqua da bere. Il tempo di alzarmi e fare due passi (due di numero) per recuperare bicchiere e bottiglia, sono stati sufficienti per farmi tornare a letto sveglia come non mai e senza più traccia di sonno.

Ovviamente ero stanca e un pò “appannata”, tuttavia sufficientemente vigile per cominciare a pensare; e in effetti, senza che nemmeno me ne rendessi conto, ho cominciato a divagare mentalmente su quello che avrei avuto in programma per l’indomani, a come mi sarei potuta organizzare per incastrare al meglio i vari impegni, nonché alla programmazione di lavoro addirittura di tutto il mese successivo con annessi e connessi di ogni tipo.

Se salto nella mente, si crea più rumore, cominciano a sorgere nuovi problemi.

….imperturbato, starò seduto sulla riva, aspettando il momento in cui tutto sarà limpido. Perché quando meditazionesiedi sulla riva della mente, non le dai più energia.

The Dhammapada: The Way of the Buddha – Osho

Sarà capitato anche a te, immagino, di iniziare a tessere un piccolo pensiero per poi scoprirti in balia di tutto un dedalo di congetture, considerazioni, ipotesi che…specie di notte, hanno il potere di ridestarti meglio e più di un sole che stia sorgendo in capo al tuo stesso letto. In tal caso come anche in  situazioni simili a questa (ovvero situazioni in cui la mente e i suoi pensieri sembrano avere il sopravvento su di te e sulla salute del tuo corpo), le possibilità per venirne a capo possono essere un paio.

La prima via d’uscita (tipica della pratica della meditazione) è suggerita dalle parole di Osho riportate nella citazione più sopra, ovvero: abilmente osservare i propri pensieri, e lasciarli scorrere come fossero nuvole di passaggio nel cielo della propria mente. Quando un pensiero arriva (anche perché è del tutto frequente – oltre che normale per la mente, elaborare dei pensieri!), ti limiti ad esserne spettatore esterno ed a prenderne atto; punto. Eviti di addentrarti in esso e percorrerlo, perché tutto ciò ti ricondurrebbe nelle spire senza fine del pensiero medesimo.

Domani ho programmato di preparare quel progetto…si certo… il progetto….lo immagino e lo vedo…” e semplicemente, lasci che il fotogramma scorra nel cinema della tua mente mandandolo in dissolvenza. Osservi da spettatore esterno alla scena, e dismetti i panni del protagonista. Tutto ciò ha a che fare con capacità ben specifiche, proprie della meditazione, di cui è necessario fare pratica; e come per qualsiasi capacità, l’allenamento ne forgia la maestria. Non a caso, chi inizia a meditare vi si dedica partendo da una manciata di minuti, sino ad arrivare persino ad ore consecutive (è il caso per esempio dei monaci tibetani).

La seconda possibilità ha a che fare col video che posto di seguito, e che ovviamente ti invito a guardare prima di proseguire nella lettura:

>>La nostra mente non distingue ciò che è reale da ciò che invece è solo vividamente immaginato; quindi se un pensiero sta creando agitazione e turbamento nell’oceano della tua mente, semplicemente cambia pensiero e cambierai la tua realtà.

Cambia i tuoi pensieri, e cambierai il tuo mondo. Norman Vincent Peale

Come fossero delle mosche fastidiose, i pensieri tossici riescono ad insinuarsi nella tua mente moltiplicandosi e crescendo a dismisura; il tutto capita semplicemente perché in forza della tua attenzione stai dando a questi pensieri corpo e vigore (il samurai che cerca di uccidere la/e mosca/he).

Ciò a cui resisti, persiste; pertanto a nulla vale contrastare questi pensieri combattendoli o peggio negandoli. Piuttosto, occorre accoglierli riconoscendo l’importanza di dare loro nuova forma ed entità; solo così potrai cambiare le tue esperienze e la qualità della tua vita.

L’idea è ridefinire la natura di un problema (la mosca) ricorrendo ad una nuova prospettiva (farfalla) ed a nuovi significati; in questo modo, anche tutto ciò che ti circonda e di cui farai esperienza cambierà di connotazione e significato.

Se osservi con attenzione, anche l’odio può trasformarsi in amore semplicemente modifichiamo la direzione del images-2tuo sguardo; te ne eri mai accorto/a?! 😉

Ti è piaciuto il post? allora non mancare di condividerlo con le icone di sharing che trovi qui sotto! E ovviamente, sono ben felice di leggere il tuo commento…grazie.

Desideri ricevere la mia newsletter quindicinale? Compila il form di iscrizione che trovi qui.

Vuoi conoscermi meglio? Qui mi presento.

Posted by

Life Coach, Trainer

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.